Ipersensibilità alla dentina: cause e come gestirla

I dentisti sanno che l’ipersensibilità alla dentina è relativamente comune. Come notato nelle indagini orali cliniche, mentre il numero di pazienti che presentano ipersensibilità alla dentina varia tra studi e gruppi di pazienti, la maggior parte delle recensioni conclude che si verifica fino al 57% dei pazienti e fino all ‘ 84,5% dei pazienti dopo il trattamento parodontale.

 Ipersensibilità alla dentina: Il dentifricio Colgate Sensitive Pro-Relief offre un sollievo immediato e duraturo clinicamente dimostrato dall'ipersensibilità, insieme al livello di fluoro raccomandato per la prevenzione della carie. Altre opzioni includono laser, materiali a base di resina e innesti gengivali, che sono più coinvolti. In genere, un dentifricio desensibilizzante per uso domestico è un'opzione di prima linea e di successo. Come professionisti dentali, possiamo essere in prima linea nell'educazione del paziente e nella gestione dell'ipersensibilità alla dentina.
Ipersensibilità alla dentina: È importante incoraggiare i pazienti a tenere il passo con appuntamenti regolari, limitare gli alimenti e le attività che causano la sensibilità e utilizzare uno spazzolino a setole morbide.

Ci sono diversi alimenti e attività che scatenano l’ipersensibilità alla dentina, ma, fortunatamente, molti professionisti dentali possono aiutare ad alleviare il disagio.

Cosa innesca l’ipersensibilità alla dentina?

I pazienti possono pensare che l’ipersensibilità alla dentina sia solo un modo di vivere, poiché ha così tanti fattori scatenanti. Come può qualcuno evitarli tutti? Alcuni dei più comuni sono:

  • Bevande analcoliche acide e bevande sportive
  • Bevande fredde e alimenti
  • Gelati
  • Tè o caffè caldo
  • Caramelle
  • Agrumi

Oltre a mangiare e bere, molte attività, abitudini e anche gli eventi quotidiani possono causare ipersensibilità alla dentina tra cui:

  • Scricchiolare sul cubetti di ghiaccio
  • Bruxismo
  • Aggressivo spazzolamento
  • Respirando aria fredda
  • Recenti lavori dentali, tra cui scaling e levigatura radicolare
  • Recenti di sbiancamento dei denti

Domande per Chiedere i Vostri Pazienti

Prima di determinare come gestire il problema, è importante per determinare se il dolore è causato da ipersensibilità dentinale o da qualcos’altro. Un esame clinico e radiografico può aiutare a identificare se sono presenti carie dentali. Altre potenziali diagnosi che devono essere considerate ed escluse includono denti incrinati o scheggiati, restauri difettosi e pulpite.

Fai domande ai pazienti per determinare quali sono le cause che fanno male ai loro denti. Il dolore è spontaneo? Si verifica dopo determinati alimenti, bevande o attività? Quanto dura il dolore? Qualcosa aiuta i loro denti a sentirsi meglio?

Se i denti del paziente si feriscono in relazione ad alcuni dei trigger precedentemente menzionati, se si tratta di un dolore transitorio acuto, se è presente una recessione gengivale, se non ci sono difetti distinguibili nei restauri o altre cause potenziali identificate durante l’esame e se l’eliminazione di un potenziale trigger previene il dolore, l’ipersensibilità alla dentina è una causa probabile.

Opzioni di gestione dell’ipersensibilità alla dentina

Nel trattamento di pazienti con ipersensibilità alla dentina, l’uso di un dentifricio desensibilizzante è un’opzione facile e conservativa per i pazienti. Il dentifricio Colgate Sensitive Pro-Relief offre un sollievo immediato e duraturo clinicamente dimostrato dall’ipersensibilità, insieme al livello di fluoro raccomandato per la prevenzione della carie. Si consiglia di iniziare con questo dentifricio, perché è altamente efficace e facile da usare per i pazienti a casa. Altre opzioni includono laser, materiali a base di resina e innesti gengivali, che sono più coinvolti. In genere, un dentifricio desensibilizzante per uso domestico è un’opzione di prima linea e di successo.

È importante incoraggiare i pazienti a tenere il passo con appuntamenti regolari, limitare gli alimenti e le attività che causano la sensibilità e utilizzare uno spazzolino a setole morbide. È inoltre necessario controllare la tecnica di spazzolatura del paziente, poiché l’ipersensibilità alla dentina può anche essere causata dal lavarsi i denti e le gengive con troppa forza.

L’ipersensibilità alla dentina influisce sul godimento delle attività quotidiane e sulla qualità della vita e molti pazienti non sono consapevoli che si tratta di una condizione gestibile. Come professionisti dentali, possiamo essere in prima linea nell’educazione del paziente e nella gestione dell’ipersensibilità alla dentina e apportare cambiamenti positivi alla vita dei nostri pazienti. Può sembrare un piccolo passo, ma risolvere l’ipersensibilità alla dentina è una vittoria gratificante per dentisti, personale e pazienti, allo stesso modo.

I dentisti sanno che l’ipersensibilità alla dentina è relativamente comune. Come notato nelle indagini orali cliniche, mentre il numero di pazienti che presentano ipersensibilità alla dentina varia tra studi e gruppi di pazienti, la maggior parte delle recensioni conclude che si verifica fino al 57% dei pazienti e fino all ‘ 84,5% dei pazienti dopo…

I dentisti sanno che l’ipersensibilità alla dentina è relativamente comune. Come notato nelle indagini orali cliniche, mentre il numero di pazienti che presentano ipersensibilità alla dentina varia tra studi e gruppi di pazienti, la maggior parte delle recensioni conclude che si verifica fino al 57% dei pazienti e fino all ‘ 84,5% dei pazienti dopo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.