Dopo la tragica morte di suo figlio, questo medico ha combattuto per mettere telecamere di backup in ogni auto

Poco dopo le 9:30 in una notte di ottobre del 2002, il pediatra di Long Island Greg Gulbransen ha sostenuto la sua auto mentre cercava di parcheggiare fuori dal suo condominio. L ” Oyster Bay, Long Island pediatra era sobrio e ha guidato lentamente quella notte, controllando sia il suo lato e retrovisori prima di eseguire il backup. Era un padre premuroso e un uomo guidato e morale che lavorava duramente per costruire la sua pratica medica e aiutare le famiglie. Ma le sue precauzioni e il suo carattere non potevano impedire che il peggior incubo di un genitore accadesse: quella notte, ha accidentalmente appoggiato suo figlio Cameron di due anni che era strisciato sotto il veicolo.

“Lì, davanti a me nei fari, c’era Cameron”, ha detto Gulbransen. “Era sdraiato sulla schiena con la sua blankiein mano blu. Era andato sotto il veicolo, ero andato proprio sopra la sua testa e l’ho ucciso. Sono saltato fuori dalla macchina, ho provato a fare la rianimazione.”Gulbransen può ancora assaggiare il suo sangue in bocca, ricorda il modo in cui Cameron ha sanguinato dal naso, dalle orecchie. “Sapevo che in quel momento era morto.”

Nessuno avrebbe incolpato Gulbransen se avesse cercato di bloccare quel momento dalla sua memoria per sempre. Ma invece, per onorare il figlio perduto, l’ha rivissuto più e più volte in pubblico per 14 anni. Lavorando con gruppi di interesse pubblico e di difesa della sicurezza, ha fatto pressione con successo sul governo federale per far passare le norme di sicurezza volte a prevenire incidenti di backover come quello che ha preso la vita di Cameron. Dopo anni di lavoro e dispute legali, la legge è finalmente entrata in vigore questo mese.

Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, una media di 210 morti e 15.000 feriti sono causati ogni anno da incidenti di backover simili a quello che ha preso la vita di Cameron Gulbransen. Poco meno di un terzo dei decessi coinvolge bambini sotto i cinque anni. L’automobile safety child advocacy group Kids and Cars afferma che la maggior parte degli incidenti di backover si verificano in passi carrai e parcheggi; la percentuale di 60 coinvolge veicoli di grandi dimensioni con scarsa visibilità posteriore come camion, SUV e minivan.

La legge appena emanata impone che tutte le auto, autobus e camion che pesano meno di 10.000 libbre prodotte o fatte per vendere negli Stati Uniti sono tenuti ad avere sistemi video di rearview che consentono ai conducenti di vedere una zona di 10 piedi per 20 piedi direttamente dietro il veicolo.

Prima di questa legislazione, l’industria automobilistica non aveva stabilito standard per la visibilità posteriore. Potrebbero vendere veicoli senza specchietti retrovisori o senza finestre che escono dal retro, e sarebbe completamente legale e quasi certamente fatale.

“Non andrai mai avanti con la stessa scarsa visibilità che hai quando stai andando indietro”, ha detto Gulbransen.

Janette Fennell, presidente e fondatrice di Kids And Cars, ha lavorato a stretto contatto con Gulbransen, che ha descritto come ” un incredibile essere umano.”

” La cosa peggiore che possa mai accadere è la morte di tuo figlio. Tutti sono d’accordo con questo”, ha detto Fennell. “Bene, ratchet su circa un centinaio di punti qui. Sei tu che l’hai fatto. Prova a conviverci.”

In effetti, Gulbransen dice che il dolore è inesprimibile. “Era come un proiettile, era come un trapano nella mia testa. Non sono mai stato in grado di trovare una parola in lingua inglese che spieghi la sensazione di immensa perdita.”

Nessuno avrebbe incolpato Gulbransen se si fosse raggomitolato in una palla e si fosse arreso. Ma era guidato dal suo senso del dovere come padre. “Come padri, la nostra responsabilità è di prendersi cura e fornire, e mantenere tutti sani e salvi”, ha detto. “Quando è morto, quella missione è diventata molto intensa perché puoi davvero dubitare della tua capacità di essere una brava persona, essere un padre e un genitore.”

Gulbransen incanalò il suo dolore e la sua auto-recriminazione in azione. Il suo primo pensiero fu di assumere un grande studio legale di Manhattan per citare in giudizio il produttore della sua auto e la concessionaria, ma si rese conto che una causa civile avrebbe quasi certamente comportato una clausola gag che gli impediva di parlare con i media o testimoniare davanti a funzionari pubblici. Se avesse accettato di tacere, non sarebbe stato efficace.

” Così ho detto, ‘Non voglio i soldi del cazzo, ‘” ci dice. “Prenderò il colpo e ti mostrerò quello che ho fatto, e cambierò il mondo. E ci sono voluti 15 anni.”

Poiché Gulbransen era un pediatra e un membro visibile della sua comunità di Long Island, la sua sensibilizzazione diede rapidamente una risposta. “Sono andato con un associato di Consumer Reports a Capitol Hill per parlare con rappresentanti e senatori e quando ci siamo incontrati con l’ufficio di Peter King, la mattina dopo abbiamo ricevuto una chiamata indietro dicendo che King vorrebbe essere coinvolto e avrebbe sponsorizzato un disegno di legge per aiutare a prevenire questi backovers”, ha detto Fennell.

Ma mentre il re e l’allora senatore Hillary Clinton salirono presto a bordo, la resistenza dei produttori di automobili fece in modo che i risultati arrivassero lenti. King e Clinton hanno introdotto la legislazione sulla sicurezza di backover al Congresso e al Senato nel 2005 e il Congresso ha emanato il Cameron Gulbransen Kids Transportation Safety Act nel 2008 che richiede ai funzionari federali dei trasporti di scrivere un regolamento per correggere i problemi di visibilità posteriore del veicolo. Il presidente George Bush ha firmato il disegno di legge in legge. Ma il disegno di legge languiva, grazie alla Office of Information and Regulatory Affairs.

Mentre i produttori di automobili hanno affermato che le telecamere erano troppo proibitive per implementare a livello industriale, Fennell sostiene che le telecamere sono in realtà poco costose, con una media di circa 8 8 per telecamera e più per un monitor. Infatti, telecamere di backup aftermarket e monitor che si adattano quasi tutte le auto vendono a partire da $30. Ma i concessionari di auto non volevano smettere di usare le telecamere di backup come pacchetti di lusso insieme a sedili in pelle e altre funzionalità per invogliare gli acquirenti a pagare di più per le auto.

“È davvero qui che le persone stanno facendo soldi sui veicoli, vendendo veicoli oggi, classificando le persone in pacchetti di livello superiore”, ha detto.

Con l’Office of Information and Regulatory Affairs che ostacolava l’attuazione del disegno di legge, Gulbransen citò in giudizio il governo federale per il ritardo e continuò a chiedere la sicurezza dei veicoli di backup nelle testimonianze governative, negli incontri con i funzionari eletti e nei media. Mantenere un alto profilo come il pediatra che ha ucciso accidentalmente suo figlio lo ha esposto al pubblico disprezzo.

“Alcune persone chiamerebbero il mio ufficio e direbbero, non hai affari di essere un pediatra”, ha detto. “Stai solo cercando di fare soldi su questo, sei una persona cattiva, hai ucciso tuo figlio, dovresti andare a ucciderti. E ‘ stato piuttosto difficile.”

Le battute d’arresto erano scoraggianti e la risposta negativa del pubblico era difficile. Tuttavia, il ricordo di Cameron costrinse Gulbransen a continuare a combattere. “Come padre, come posso deludere mio figlio?”

Il Dipartimento dei Trasporti ha sostenuto la legge nel 2014. Dopo anni di ritardi, Gulbransen e i suoi alleati hanno finalmente avuto una fortuna. Erano programmati per apparire prima del DOT il giorno prima che i dirigenti della General Motors rispondessero alle domande sugli interruttori di accensione difettosi che impedivano agli airbag di schierarsi durante gli incidenti, una sorveglianza letale che la National Highway Traffic and Safety Administration non era riuscita a prevenire. Gulbransen ha detto che era una settimana che il PUNTO disperatamente bisogno di una vittoria. Di fronte a un esame approfondito da parte della stampa e del pubblico, i funzionari DOT hanno firmato la legge sulle telecamere di backup e l’hanno programmata per entrare in vigore a maggio, 2018.

Quattordici anni dopo la tragedia, Gulbransen ebbe la sua vittoria. Parlando poco dopo la regola è stata emanata, Gulbransen era più che soddisfatto del risultato. “Mi sento incredibile”, ha detto. “Mi sento un buon padre.”

Dopo la tragica morte di suo figlio, questo medico ha combattuto per mettere telecamere di backup in ogni auto

Poco dopo le 9:30 in una notte di ottobre del 2002, il pediatra di Long Island Greg Gulbransen ha sostenuto la sua auto mentre cercava di parcheggiare fuori dal suo condominio. L ” Oyster Bay, Long Island pediatra era sobrio e ha guidato lentamente quella notte, controllando sia il suo lato e retrovisori prima di…

Poco dopo le 9:30 in una notte di ottobre del 2002, il pediatra di Long Island Greg Gulbransen ha sostenuto la sua auto mentre cercava di parcheggiare fuori dal suo condominio. L ” Oyster Bay, Long Island pediatra era sobrio e ha guidato lentamente quella notte, controllando sia il suo lato e retrovisori prima di…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.