ARTICOLO 29. MOZIONE PER SENTENZA DI ASSOLUZIONE

Data obsoleta: 3/1/2011

(a) Prima della presentazione alla giuria. Dopo che l’accusa chiude le sue prove o dopo la chiusura di tutte le prove, il tribunale sulla mozione del convenuto deve inserire una sentenza di assoluzione di qualsiasi reato per il quale le prove sono insufficienti a sostenere una condanna. La corte può da sola valutare se le prove siano insufficienti a sostenere una condanna. Se il tribunale nega una mozione di assoluzione alla chiusura delle prove dell’accusa, il convenuto può offrire prove senza essersi riservato il diritto di farlo.

b) Decisione di riserva. Il tribunale può riservare la decisione sulla mozione, procedere con il processo (dove la mozione viene presentata prima della chiusura di tutte le prove), presentare il caso alla giuria e decidere la mozione prima che la giuria restituisca un verdetto o dopo che restituisce un verdetto di colpevolezza o viene dimessa senza aver restituito un verdetto. Se il tribunale si riserva la decisione, deve decidere la mozione sulla base delle prove al momento della decisione è stata riservata.

(c) Dopo il verdetto della giuria o la dimissione.

(1) E ‘ ora di una mozione. Un imputato può muoversi per una sentenza di assoluzione, o rinnovare tale mozione, entro dieci giorni dopo un verdetto di colpevolezza o dopo che la corte scarica la giuria, a seconda di quale è più tardi.

(2) Sentenza sulla mozione. Se la giuria ha restituito un verdetto di colpevolezza, la corte può annullare il verdetto e inserire un’assoluzione. Se la giuria non è riuscita a restituire un verdetto, il tribunale può inserire una sentenza di assoluzione.

(3) Nessun movimento precedente richiesto. Un imputato non è tenuto a muoversi per una sentenza di assoluzione prima che il tribunale sottoponga il caso alla giuria come prerequisito per fare una tale mozione dopo il discarico della giuria.

(d) Sentenza condizionale su una mozione per un nuovo processo.

(1) Mozione per un nuovo processo. Se la corte entra in una sentenza di assoluzione dopo un verdetto di colpevolezza, la corte deve anche determinare condizionatamente se qualsiasi mozione per un nuovo processo dovrebbe essere concessa se la sentenza di assoluzione viene successivamente annullata o invertita. La corte deve precisare i motivi di tale decisione.

(2) Finalità. L’ordinanza del tribunale che concede condizionatamente una mozione per un nuovo processo non influisce sulla finalità della sentenza di assoluzione.

(3) Ricorso.

(A) Concessione di una mozione per un nuovo processo. Se la corte concede condizionalmente una mozione per un nuovo processo e la corte d’appello in seguito inverte la sentenza di assoluzione, la corte di prova deve procedere con il nuovo processo a meno che la corte d’appello ordina altrimenti.

(B) Rifiuto di una mozione per un nuovo processo. Se il tribunale nega condizionalmente una mozione per un nuovo processo, un appellee può affermare che la negazione era errata. Se la corte d’appello in seguito inverte la sentenza di assoluzione, la corte di prova deve procedere come la corte d’appello dirige.

Data obsoleta: 3/1/2011 (a) Prima della presentazione alla giuria. Dopo che l’accusa chiude le sue prove o dopo la chiusura di tutte le prove, il tribunale sulla mozione del convenuto deve inserire una sentenza di assoluzione di qualsiasi reato per il quale le prove sono insufficienti a sostenere una condanna. La corte può da sola…

Data obsoleta: 3/1/2011 (a) Prima della presentazione alla giuria. Dopo che l’accusa chiude le sue prove o dopo la chiusura di tutte le prove, il tribunale sulla mozione del convenuto deve inserire una sentenza di assoluzione di qualsiasi reato per il quale le prove sono insufficienti a sostenere una condanna. La corte può da sola…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.